Origini e Storia del Labrador Retriever

Dalla Rivista “I NOSTRI CANI” ENCI 2015 Mese di Maggio.

Le origini di questa poliedrica razza sono, malgrado le numerose ricerche fatte, ancora controverse. Sappiamo con certezza che la razza originaria proviene dalla Costa Est del Canada, più precisamente da Terranova e meglio dall’Isola di Saint John, di cui il nome “cane di Saint John”.

Le prime descrizioni del cane di San John risalgono agli inizi dell’Ottocento.
Il cane di San John viene descritto come un cane di media taglia compatto con un fitto pelo impermeabile, solitamente nero, in grado di proteggerlo dalle acque ghiacciate; abilissimo nuotatore ed infaticabile lavoratore che svolgeva un ruolo importante sui pescherecci.
Sembra venissero impiegati nel recupero di pesci sfuggiti alle reti, nel recupero di oggetti caduti fuori bordo o nel salvataggio in acqua di membri dell’equipaggio.
Alcune storie ci raccontano di come questi fantastici cani venissero utilizzati dai pescatori, percorrendo anche considerevoli distanze, per scambiarsi messaggi da un’imbarcazione all’altra  ancora di come durante le giornate nebbiose abbaiavano allertando le altre imbarcazioni per evitare collisioni. Il continuo lavoro a stretto contatto con gli uomini e con gli altri cani richiedeva a questi cani per necessità un carattere mite, rispettoso ed obbediente, al tempo stesso brillante e vivace, unitamente ad una innata attitudine al riporto ed a una vera e propria passione per l’acqua. Sono proprio queste le caratteristiche distintive che ancora oggi ritroviamo nell’attuale Labrador Retriever.

Sembra che agli inizi dell’800 le imbarcazioni inglesi rientrando da Terranova al porto di Poole nel Dorset portarono con sé il Cane di San John. Gli inglesi non impiegarono molto a notare le grandissime qualità di questi cani, forti, attivi, resistenti, infaticabili, eccellenti nuotatori e riportatori fantastici e ben presto l’aristocrazia iniziò ad interessarsi a loro.

Fù proprio il secondo conte di Malmesbury, la cui residenza era sita vicino al Porto di Pool nel Dorset, ad introdurre questo particolare cane nel suo allevamento.
Il secondo conte di Malmesbury ed il terzo conte di Malmesbury basarono il loro allevamento esclusivamente sul puro cane di San John e fortunatamente per gli storici della razza questi hanno mantenuto i registri dell’allevamento fin dall’inizio della loro selezione. I conti di Malmesbury continuarono ad importare il cane di San John fino alla morte del terzo conte di Malmesbury nel 1889.

Nel 1880 il Duca di Buccleuch partecipando ad una battuta di caccia nella proprietà del conte di Malmesbury osservando quei cani rimase affascinato dal loro modo di lavorare specialmente in acqua, si trattava di cani che evidenziavano spiccate capacità nel riporto della selvaggina abbattuta a caccia, forti e facilmente addestrabili e con un grande desiderio di compiacere ed obbedire (willing to please) caratteristica che rappresenta un elemento di tipicità del carattere del labrador odierno.
Il conte di Malmesbury allora gli fece dono di 3 soggetti del suo allevamento e iniziò una proficua collaborazione tra i due.
Alla fine del 800 il conte di Malmesbury scrive al duca di Buccleuch: “Ho sempre chiamato i miei cani Labrador. La razza e riconoscibile dal fitto mantello aderente che respinge l’acqua come olio e da una spessa coda di lontra”.
Venivano descritti come “cani piccoli compatti e molto attivi dal pelo corto fitto e liscio con qualche sfumatura marrone in certe stagioni. Gli occhi dei più sono di un colore che si avvicina al colore dello zucchero bruciato. Le loro teste, che sono grandi, sono ampie e il cranio ben scolpito il muso non eccessivamente lungo. La loro espressione luminosa indica il loro animo dolce e di grande coraggio”.
Caratteristiche queste che ritroviamo ancora oggi nel Labrador come noi lo conosciamo.
La costituzione di una buona linea di sangue in Gran Bretagna si è rivelata essenziale, infatti, dal 1885, le importazioni di cani in Inghilterra da Terranova vennero ridotte fino a cessarne il commercio.
Tuttavia, il futuro del Labrador in Gran Bretagna era stato assicurato e questo grazie alla dedizione dei Conti di Malmesbury e dei Duchi di Buccleuch e delle loro famiglie ed amici. La reputazione del Labrador Retriever stava già cominciando a superare quella del cugino all’epoca maggiormente considerato il Black Wavy Coated Retriever (antenato dell’attuale Flat Coated Retriever).
Nel 1880 il Kennl Club instituì un sistema universale di registrazione per le varie razze. I primi Retrievers ad apparire in questo “libro delle origini” del Kennel Club Inglese furono elencati tutti insieme senza distinzione alcuna tra le rezza, ma sotto una generica sezione chiamata semplicemente Retriever. Quindi paradossalmente era possibile registrare cuccioli provenienti dalla stessa cucciolata per metà come Flat Coated Retriever e per l’altra metà come Labrador. Solo nel 1903 il Labrador Retriever divenne abbastanza popolare tanto da essere riconosciuto dal Kennel Club Inglese. Documenti dell’epoca ci mostrano come dai 281 soggetti registrati nel 1912 si passò ai 970 circa 10 anni più tardi.

Il picco massimo fu toccato nel 2010 con quasi 45.000 soggetti iscritti!

(nella foto che risale al 1934 vediamo la Contessa Lorna Howe, una delle principali promotrici della razza Labrador, qui insieme con 3 dei suoi campioni: Ch. Brambaw Bob, Ch. Ingleston Ben, Ch. Banchory Trueman)

Allevamento Labrador Toscana Joy Wave Labradors

Scegli la passione, la professionalità e la competenza di uno dei migliori allevatori Labrador in Toscana

Passione e competenza

I nostri labrador sono allevati con amore, passione e competenza

Pedigree e standard di razza

La selezione del nostro allevamento si basa sulla qualità e sullo studio dei nostri cani

Dal sociale alla pratica sportiva

I nostri cani sono adatti a svolgere attività sociali e sportive

Come può aiutarti Joy Wave Labrador?

Il nostro allevamento di Labrador Toscano si occupa di:

  • Addestramento ed educazione per retrievers ed altre razze da caccia;
  • Clicker training;
  • Consulenza pre e post arrivo cucciolo in famiglia;
  • Selezionare le migliori cucciolate di Labrador per famiglie e per privati;
  • Selezionare le migliori cucciolate di Labrador ad uso sportivo e caccia;
  • Selezionare le migliori cucciolate di Labrador ad uso sociale (associazioni volontariato, per emergenze, …)

Mettiamo a vostra disposizione la nostra passione e competenza per selezionare e addestrare i vostri Labrador in Toscana!

* Campo obbligatorio

Allevamento Labrador Toscana

Scegli i migliori allevatori di Labrador presenti sul territorio

Allevamento Labrador Toscana