Working Test

Approvato dal Consiglio Direttivo Centrale RCI del 3 giugno 2017
su parere conforme della Commissione Tecnica RCI per la revisione del Regolamento Working Test del 23 febbraio 2017
in vigore dal 1 gennaio 2018
 
Art. 1 INTRODUZIONE
 
a) Un Working Test è una competizione che ha il fine di valutare, senza l’utilizzo di selvaggina abbattuta, le capacità di lavoro delle razze Retriever.
b) Un Retriever è l’aiuto indispensabile del cacciatore durante una giornata di caccia. L'obiettivo di un Working Test deve quindi essere quello di selezionare i migliori cani, soggetti con buon temperamento, buon marking, buon uso del naso e che mostrano iniziativa.
c) La conduzione (handling) è da considerarsi come un complemento indispensabile per queste qualità. Il cane deve essere calmo e corretto (steady) sia nella camminata al piede che in attesa, e disposto a obbedire alle indicazioni del conduttore.
 
Art. 2 ORGANIZZAZIONE DI UN WORKING TEST
 
a) Un Working Test deve essere organizzato da una o più persone con comprovata esperienza nell’organizzazione di Prove per Retriever. A ciascun cane deve essere data, il più possibile, pari opportunità, con l'elemento della fortuna ridotto al minimo.
b) In un Working Test, gli organizzatori devono sempre cercare di simulare eventi che si verificano in una giornata di caccia. Devono inoltre garantire che i test siano progettati per futuri buoni cani da caccia, e che non inibiscano la capacità del marking e le qualità naturali dei soggetti. E’ molto importante che aiutanti e lanciatori siano posizionati tenendo a mente quanto sopra espresso.
c) Nello svolgimento di un Working Test è prioritaria la sicurezza dei cani.
 
Art. 3 GESTIONE DI UN WORKING TEST
 
a) La decisione dei giudici è definitiva. Il concorrente non deve contestare la decisione del giudice o criticare l'ospite, i terreni, o gli aiutanti.
b) Gli organizzatori hanno il potere di escludere cani dalla competizione e/o avranno il diritto di rifiutare un’iscrizione nei casi previsti nei regolamenti FCI.
c) L'organizzazione può limitare il numero dei partecipanti, in questo caso il diritto di competere sarà stabilito dall’ordine temporale delle iscrizioni.
d) Le giurie saranno composte a discrezione del comitato organizzatore di ciascun evento.
e) Tutti i partecipanti devono seguire le istruzioni dei giudici, i quali hanno il potere di allontanare da un Working Test qualsiasi cane il cui conduttore non si attenga alle istruzioni ricevute, e/o
Regolamento Working Test per Retrievers 2
qualsiasi conduttore che interferisca intenzionalmente con un altro concorrente o con il suo cane.
f) Sono esclusi dalla competizione e dai terreni di gara le femmine in calore, i cani aggressivi o mordaci, i conduttori che tengano un comportamento aggressivo o offensivo o irrispettoso nei confronti degli organizzatori, dei giudici, degli altri conduttori o abbiano un atteggiamento violento nei confronti dei cani. Qualunque delle condizioni sopra elencate comporta la facoltà da parte dei giudici e/o del comitato organizzatore di allontanare il binomio dai terreni di gara, con conseguente abbandono della competizione in corso.
 
Art. 4 CATEGORIE E CLASSI
 
a) A un Working Test possono partecipare cani con diverso livello di addestramento: in base a questo, all’età e alla carriera del soggetto iscritto, vengono istituite le seguenti classi:
Classe TRAINING
Si intende come classe di ingresso alla disciplina Working Test nella quale possono iscriversi cani che non abbiano già ottenuto una qualifica di buono, molto buono e/o eccellente in Prove di Caccia nazionale e/o Internazionale sia in Italia che all’estero o una qualifica di eccellente in Prova Attitudinale di Caccia.
Età minima di ingresso alla classe 9 mesi.
Nella classe Training è consentito l’uso del guinzaglio.
I conduttori che abbiano condotto un cane in classe Open Working Test e/o in qualsiasi livello di Prova di Caccia (Field Trial per Retriever, esclusa la classe Prova Attitudinale di Caccia) non saranno ammessi in classe training.
Classe BEGINNER
Cani con un buon livello di obbedienza generale e buon addestramento.
Non possono iscriversi in questa classe i cani che hanno già ottenuto una qualifica di eccellente in Prova di Caccia Novice, o una qualifica di buono, molto buono, eccellente in Prove di Caccia Open e/o CACIT, sia in Italia che all’estero.
Devono inoltre iscriversi alla classe superiore (Novice) i cani che nel corso della precedente stagione (anno solare dal 1 gennaio al 31 dicembre) abbiano passato con qualifica di eccellente per tre volte la classe Beginner.
Età minima di ingresso alla classe 12 mesi.
Classe NOVICE
Cani con un elevato livello di addestramento.
Non possono iscriversi in questa classe i cani che hanno già ottenuto una qualifica di eccellente in Prova di Caccia nelle classi Open o CACIT, sia in Italia che all’estero.
Devono inoltre iscriversi alla classe superiore (Open) i cani che nel corso della precedente stagione (anno solare dal 1 gennaio al 31 dicembre) hanno passato con qualifica di eccellente per tre volte la classe Novice.
Età minima di ingresso alla classe 15 mesi.
Regolamento Working Test per Retrievers 3
Classe OPEN
Cani con un ottimo livello di addestramento.
Vengono obbligatoriamente iscritti in questa classe i Campioni di lavoro (sia italiani che esteri) o i cani che abbiano maturato i requisiti di lavoro necessari per il titolo di Campione di lavoro, i soggetti che hanno vinto una Prova di Caccia Open o Internazionale, i soggetti che hanno vinto un Working Test in classe Open, nonché i soggetti che abbiano ottenuto la qualifica di eccellente in Prova di Caccia Internazionale. Tali risultati hanno valore anche se conseguiti all’estero (compreso USA e Regno Unito).
Età minima di ingresso alla classe 18 mesi.
 
Art. 5 GIUDIZIO
 
a) Prima dell’inizio dell’esercizio, il conduttore si presenta al giudice con il cane a guinzaglio, il giudice quindi procede con la spiegazione. Il giudizio del test inizia nel momento in cui il giudice dice di togliere il guinzaglio al cane e finisce nel momento in cui il giudice dice di rimettere il guinzaglio.
I giudici devono garantire che gli spettatori siano ad una distanza ragionevole dai concorrenti in linea.
b) I giudici daranno ai cani ogni opportunità di lavorare bene, mettendoli il più possibile in condizioni in loro favore. I giudici prediligeranno cani che non necessitano di molta conduzione, e che soddisfino al meglio dal punto di vista della caccia.
c) In tutte le razze Retriever un buon marking è essenziale, con un recupero rapido del dummy e un altrettanto rapido ritorno. I giudici non penalizzeranno in maniera troppo severa un cane che appoggia il dummy per ottenere una presa migliore, ma questo non deve essere confuso con il recupero sciatto.
d) Sono esclusi da ogni premio e non rientrano in classifica i cani che avranno commesso errori che portano ad ottenere uno 0 (zero).
e) I giudici hanno la facoltà di non premiare nessun cane se a loro avviso nessun concorrente ha mostrato meriti sufficienti.
f) Ogni esercizio è costituito da 1 o più riporti le cui modalità di esecuzione saranno stabilite prima dell'inizio della gara. Qualora un dummy cadesse in zona diversa rispetto ai precedenti il giudice potrà far ripetere l'esecuzione dei lanci da parte degli aiutanti.
g) I giudici devono confrontarsi nella preparazione degli esercizi per garantire la maggior varietà possibile degli stessi.
 
Art. 6 ASSEGNAZIONE DEI PUNTI E DELLE QUALIFICHE
 
a) Ogni esercizio comporta l’attribuzione di punti.
b) Tutti gli esercizi all’interno della stessa manifestazione devono avere a disposizione lo stesso punteggio.
c) Nel caso in cui più di un dummy debba essere recuperato durante un esercizio, lo 0 (zero) su un riporto non significa necessariamente uno 0 (zero) per tutto il test. La decisione è a discrezione del giudice che dovrà comunque, prima dello svolgimento dello stesso, comunicare il proprio
Regolamento Working Test per Retrievers 4
criterio di valutazione. E’ consigliabile che il comitato organizzatore richieda alla giuria del singolo evento uniformità di giudizio a tal riguardo. Punti possono essere assegnati anche per altro merito e buona esecuzione (condotta al piede, ecc…).
d) Il punteggio finale è ottenuto sommando i punteggi dei singoli step, e poi normalizzato a 100 secondo la formula:
Punteggio Normalizzato =
100 * Punteggio ottenuto
Punti totali in palio
A tale punteggio viene abbinata una valutazione:
da 100% a 85%
ECCELLENTE
da 84% a 75%
MOLTO BUONO
da 74% a 64%
BUONO
≤ 63% e senza 0 (zero)
PASSATO
Il giudice comunicherà immediatamente al conduttore il punteggio dell’esercizio solo nel caso in cui venga attribuito uno 0 (zero).
e) Nelle classi Beginner, Novice, Open è consentita la partecipazione “Non Competitiva” rispettando le limitazioni di età di ogni classe. In Non Competitiva al cane non viene assegnato un punteggio, ma solo un giudizio. La partecipazione “Non Competitiva” è ammessa per i familiari dei giudici o conduttori che presentino soggetti di proprietà di un giudice.
f) I cani che gareggiano in classe Training possono essere tenuti al guinzaglio fino al momento dell’invio senza incorrere in nessuna penalizzazione.
g) Nelle classi Beginner, Novice e Open in cani svolgeranno tutti gli esercizi dall’inizio alla fine senza uso del guinzaglio.
h) La classifica di ogni singola gara è stilata sommando i punteggi ottenuti nei singoli test. Vince chi ottiene il punteggio più alto. In caso in parità di punteggio potranno essere previsti spareggi per determinare i primi tre posti in classifica. I punti conseguiti negli eventuali esercizi di spareggio (barrage / run off) servono unicamente a determinare la posizione in classifica, senza venir sommati ai punti ottenuti negli esercizi prima dello spareggio.
 
Art. 7 ISTRUZIONI SPECIFICHE
 
a) I giudici devono assicurarsi di avere a disposizione i cani secondo l’ordine di partenza fornito dall’organizzazione (running order).
b) Nel corso di un Working Test, possono essere utilizzati solo standard dummy (500 gr). Eccezionalmente, e solo in classe Novice e Open, possono essere utilizzati launcher (ogive) con l’utilizzo di dummy-launcher.
c) I giudici devono controllare i dummy prima dell’inizio della prova per stabilire che non siano danneggiati.
d) Quando il dummy viene lanciato ed è accompagnato dallo sparo, quest’ultimo deve sempre precedere il lancio. Quando il dummy non è lanciato (blind retrieve), lo sparo è facoltativo.
e) Nel limite del possibile è sempre preferibile l’utilizzo del fucile a quello della pistola.
Regolamento Working Test per Retrievers 5
f) Durante il recupero, a un cane non deve essere richiesto di passare troppo vicino ad un altro riporto.
g) In classe BEGINNER non sono previsti blind se non in punti di confidenza e accompagnati dallo sparo.
h) Un Working Test deve prevedere almeno quattro esercizi.
 
Art. 8 NOTE DI MERITO E ERRORI
 
a) NOTE DI MERITO
Un retriever deve essere fermo e calmo (steady) allo sparo e alla caduta del dummy, e recuperare a comando. Un buon retriever deve camminare al piede correttamente.
- controllo
- consegna
- velocità
- marking
- naso
- conduzione discreta
- stile di razza
- velocità nel riportare
b) ERRORI GRAVI
- cattivo controllo
- inutile disturbo del terreno
- cattiva condotta al piede
- cattivo marking (ricordo del punto di caduta)
- eccessiva dipendenza dal conduttore
- inquietudine e richiesta di attenzione da parte del conduttore
- conduzione rumorosa
- riporto sciatto
- lavoro lento e inoperoso
c) ERRORI CHE PORTANO A 0 (ZERO) PUNTI
- rincorrere eventuali distrazioni
- cacciare con il dummy in bocca
- scambiare
- rifiuto di entrare in acqua
- non trovare il riporto
- paura dello sparo
- fuori controllo
- running-in (abbandonare la propria posizione senza in consenso del giudice)
- piangere
- abbaiare
- danneggiare il dummy
 
Regolamento Working Test per Retrievers 6
 
Art. 9 FINALE WORKING TEST
 
a) Con l’ufficializzazione del calendario annuale, sarà indicata la data in cui si svolgerà la Finale Working Test, articolata in:
FINALE WORKING TEST BEGINNER (designerà il Miglior Soggetto classe Beginner della stagione Working Test dell’anno di riferimento)
FINALE WORKING TEST NOVICE (designerà il Miglior Soggetto classe Novice della stagione Working Test dell’anno di riferimento)
FINALE WORKING TEST OPEN (designerà il Miglior Soggetto classe Open della stagione Working Test dell’anno di riferimento)
b) La Finale Working Test sarà organizzata da Retrievers Club Italiano entro il 30 settembre dell’anno solare di riferimento.
c) Alla Finale Working Test si qualificano tutti i soggetti classificati eccellenti e/o tutti i soggetti classificati ai primi tre posti di ciascuna classe in ogni Working Test organizzato in Italia che applica questo regolamento e relative Linee Guida nel periodo compreso tra una Finale e quella successiva.
d) E’ compito dei comitati organizzatori trasmettere per ogni evento a Retrievers Club Italiano l’elenco degli aventi diritto a partecipare alla Finale Working Test.
 
Art. 10
 
a) Per quanto non previsto da questo regolamento ci si rifà ai regolamenti ENCI: Regolamento Speciale per le Prove di Lavoro e Regolamento Generale delle Manifestazioni Canine e al regolamento FCI per i Working Test Internazionali.
Questo sito utilizza i cookie. Cliccando su OK o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori info: Dati di navigazione